Ravenna Festival

a cura di Fondazione Ravenna Manifestazioni

Dal 1990 il Festival trasforma la città in palcoscenico, dalle basiliche tempestate di mosaici ai teatri storici, palazzi, chiostri, archeologie industriali, ma anche il paesaggio naturale – così contribuendo alla celebrazione e riscoperta di Ravenna e del suo territorio come crocevia di popoli e culture. Con artisti e formazioni di calibro internazionale, ogni anno – fra giugno e luglio – il programma del Festival spazia fra tutti i linguaggi performativi. In autunno il Festival propone invece la Trilogia d’opera.

Fondazione Ravenna Manifestazioni
via Dante Alighieri, 1 – 48100 Ravenna
tel. +39 0544 249211 fax +39 0544 36303
info@ravennafestival.org
www.ravennafestival.org

Dolce color d’oriental zaffiro
XXXI edizione | 3 giugno – 17 luglio | Trilogia d’Autunno 6-15 novembre

Sulla XXXI edizione di Ravenna Festival splende un cielo dal “dolce color d’oriental zaffiro”: quello che Dante descrive nel Purgatorio (I, 13) e che forse aveva ammirato nei mosaici di Galla Placidia. Quest’immagine luminosa ha il proprio lato oscuro in un Oriente non più da favola, ricordato nel concerto Le vie dell’Amicizia diretto da Riccardo Muti “Per la Siria”, ma anche nella minacce al nostro paradiso terrestre, magistralmente ritratto nell’inno ambientalista di Koyaanisqatsi. Se il capolavoro di Philip Glass apre il Festival, la conclusione è affidata alla Fura dels Baus con i Carmina Burana in esclusiva italiana e al gala omaggio a Alicia Alonso. Nel firmamento danza anche il debutto del Don Juan di Johan Inger, il Balletto delle Fiandre e la Hofesh Shechter Company. Il contributo alle celebrazioni per i 250 anni dalla nascita di Beethoven include il concerto di Gergiev con l’Orchestra del Mariinsky, unita per l’occasione alla Cherubini, e l’Eroica sarà diretta da Muti per il concerto dell’Amicizia. Muti torna sul podio della Cherubini per il concerto con il violoncello dei Wiener Tamás Varga; Ivan Fischer è invece alla testa della Budapest Festival Orchestra con la violinista Nicola Benedetti per il Concerto di Sibelius. Eclettismo è la parola d’ordine per Vinicio Capossela, Stefano Bollani, Neri Marcorè e i 100 Cellos capitanati da Giovanni Sollima ed Enrico Melozzi, mentre Sant’Apollinare Nuovo ospita i Theatre of Voices di Paul Hillier.

Quest’anno il Festival è al Teatro Alighieri con sette appuntamenti e, a novembre, con la Trilogia d’Autunno.

scopri il programma completo su www.ravennafestival.org

Consulta la sezione "Archivio" per gli appuntamenti delle passate stagioni