Teatro Alighieri 2018-2019

Logo stampa
 
Sei in: Programma » Calendario
Condividi su Facebook
Invia ad un amico
Stampa questa pagina
 
Invia ad un amico questa pagina
* Campi obbligatori
:
:
:
:
:
 
 

Calendario Stagione 2018/2019

Opzioni vista
 
DATA
SPETTACOLO
TIPO
ORARIO
SEDE
BIGLIETTERIA ONLINE
Martedì 18-09-2018
Altri eventi
20:30
Sala Arcangelo Corelli
Lunedì 24-09-2018
Altri eventi
17:30
 
Lunedì 01-10-2018
left1 Musiche di G. Gershwin, A.C. Jobim, N. Hefti,D. Ellington, J. Davenport, G. Kramer,H. Arlen, C. Porter, White/Del Barrio ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Giovedì 04-10-2018
left1 Musiche di C.M. von Weber, F. Mendelssohn ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Lunedì 08-10-2018
left1 Musiche di D. Ellington, C. Basie, C. Parker ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Sabato 13-10-2018
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
 
Lunedì 15-10-2018
left1 Musiche diJ.S. Bach, W.A. Mozart, K. Badelt, J. Kosma, M. Norman, N. Daughtrey, A. Piazzolla, A. Rattini, D. Friedman, C. Santangelo, A. Gerassimez ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Martedì 23-10-2018
left1 G. Rossini - “Stabat Mater”trascrizione per soli, coro e 2 pianoforti di Emilio Ghezzi ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Sabato 27-10-2018
left1LIONS CLUB RAVENNA HOST: CELEBRAZIONI PER IL CENTENARIO DELLA FINE DELLA GRANDE GUERRA 1914-18Le celebrazioni organizzate dal Comitato di volontari del Lions Club Ravenna Host culmineranno, sabato 27 Ottobre, con un evento di particolare rilievo: al Teatro Alighieri, alle ore 21.00, si esibirà il Coro SAT, Società Alpinistica Tridentina, famoso in tutto il mondo per la mirabile interpretazione di canti legati anche alla storia e alla memoria della Grande Guerra, che per l’occasione verranno commentati e contestualizzati storicamente. L’ingresso, aperto a tutti, sarà gratuito previo ritiro del biglietto di ingresso (max 4 per persona) presso la biglietteria del Teatro Alighieri a partire da mercoledì 24 ottobre; in occasione del concerto sarà possibile effettuare liberamente una offerta a beneficio dei bambini martoriati dalla Guerra in Siria.http://www.corosat.it/]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Ingresso libero
Lunedì 29-10-2018
left1 Il filo del suo racconto attraversa da anni la coscienza del nostro paese, esponendone con orgoglio civile le ferite, le lingue, i cambiamenti. Questo narratore dall’incedere affettivo si sofferma ora sul maggiore mutamento che investe la nostra epoca rendendola “un tempo crisalide”: l’avvento della tecnologia elettronica. Un universo di possibilità e illusioni, soluzioni e ostacoli, che ci riguarda tutti e che ci vede incontentabili, talvolta ridicoli, e non sempre consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Martedì 30-10-2018
left1 Il filo del suo racconto attraversa da anni la coscienza del nostro paese, esponendone con orgoglio civile le ferite, le lingue, i cambiamenti. Questo narratore dall’incedere affettivo si sofferma ora sul maggiore mutamento che investe la nostra epoca rendendola “un tempo crisalide”: l’avvento della tecnologia elettronica. Un universo di possibilità e illusioni, soluzioni e ostacoli, che ci riguarda tutti e che ci vede incontentabili, talvolta ridicoli, e non sempre consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Mercoledì 31-10-2018
left1 Il filo del suo racconto attraversa da anni la coscienza del nostro paese, esponendone con orgoglio civile le ferite, le lingue, i cambiamenti. Questo narratore dall’incedere affettivo si sofferma ora sul maggiore mutamento che investe la nostra epoca rendendola “un tempo crisalide”: l’avvento della tecnologia elettronica. Un universo di possibilità e illusioni, soluzioni e ostacoli, che ci riguarda tutti e che ci vede incontentabili, talvolta ridicoli, e non sempre consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 01-11-2018
left1 Il filo del suo racconto attraversa da anni la coscienza del nostro paese, esponendone con orgoglio civile le ferite, le lingue, i cambiamenti. Questo narratore dall’incedere affettivo si sofferma ora sul maggiore mutamento che investe la nostra epoca rendendola “un tempo crisalide”: l’avvento della tecnologia elettronica. Un universo di possibilità e illusioni, soluzioni e ostacoli, che ci riguarda tutti e che ci vede incontentabili, talvolta ridicoli, e non sempre consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 04-11-2018
left1 L. van Beethoven – Sonata in mib magg. per violino e pianoforte n. 3 op. 12M. Skoryk – Sonata per violino e pianoforte n. 1L. van Beethoven – Sonata in sol magg. per violino e pianoforte n. 10 op. 96 ]]>
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
Martedì 06-11-2018
left1 Musiche di G.P. Telemann, J.B. Loeillet, J.H. Schein, A. Bertali, J.H. Schmerzel, J. Paisible ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Giovedì 08-11-2018
Altri eventi
17:30
Sala Arcangelo Corelli
 
Venerdì 09-11-2018
left1 Musiche di A. Vivaldi, J.S. Bach, W.A. Mozart ]]>
Altri eventi
17:00
Sala Arcangelo Corelli
Domenica 11-11-2018
left1L. van Beethoven – Sonata in mi minore op. 90L. van Beethoven – Sonata in mi maggiore op. 109F. Busoni – Sonatina secondaF. Liszt – Pensée des mortsF. Liszt – Après une lecture du Dante. Fantasia quasi Sonata]]>
Altri eventi
17:30
Sala Arcangelo Corelli
Martedì 13-11-2018
Altri eventi
17:30
Sala Arcangelo Corelli
 
Martedì 13-11-2018
left1 Vitali Ciaccona in sol minore Fauré Apres un reve Ysaye Bai/ade Kreisler Preludio e Alkgro nello stile di Pugnani Roman Kim La Follia op.7 Roman Kim Romanza in si minore Paganini / Palpiti op.13 ]]>
Altri eventi
21:00
Sala Arcangelo Corelli
Domenica 18-11-2018
left1 G. RossiniArpa Gentil (da Il Viaggio a Reims)Sonata per arpaAssisa a piè d’un salice (da Otello)Una voce poco fa (da Il Barbiere di Siviglia) I. ColbranCh’io mai vi possa, Benché ti sia crudel,Ad onta del fato, Quel ruscellettoPiù bell’aurora, Per costume, Vorrei almen per gioco So che è un sogno, Chissa quel core , Se son lontano E. Parish AlvarsIl pappagallo ]]>
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
Giovedì 22-11-2018
left1 Grieg Violin Sonata n. 3 op. 45 Brahms Scherzo (da Sonata FAE) Paganini Capriccio su" Nel Cor più non mi sento" Petrassi Introduzione e Alkgro Saint-Saens lntroduction et Rondò Capriccioso op.28 ]]>
Altri eventi/
21:00
Sala Arcangelo Corelli
Venerdì 23-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Sabato 24-11-2018
left1Si rinnova anche quest’anno lo speciale ciclo di conversazioni che accompagna - e in parte incrocia - le rotte della Stagione del Teatro Alighieri, proponendo un percorso tematico in grado di inserire le opere in programma nel contesto di una riflessione al contempo unitaria, organica e di grande respiro. A svelare, incontro dopo incontro, i segreti del rapporto fra La musica e il potere sarà Guido Barbieri, che ritorna al timone e invita il pubblico ad attraversare secoli di teatro musicale, visitare i luoghi che ne hanno fatto la storia, ripercorrere pagine indimenticabili. Tutti gli appuntamenti, sempre a ingresso libero e sempre il sabato mattina, sono ospitati dalla Biblioteca Classense, con la sola eccezione del dialogo che incontra la Trilogia d’Autunno sabato 24 novembre, alla Sala Corelli del Teatro Alighieri. Con la presenza e la guida di Barbieri - musicologo, divulgatore, docente di Storia della Musica - e la prestigiosa cornice della Sala Muratori della Biblioteca Classense, uno dei luoghi attivamente protagonisti della vita culturale della città di Ravenna, si ripropone la combinazione che già l’anno scorso è stata salutata dall’ampia e costante partecipazione del pubblico. > Sabato 24 novembre ore 10.30 - Teatro Alighieri, Sala Arcangelo Corelli
Ragion di stato e ragione d’amore. Il conflitto tra individuo e potere nel teatro musicale di Giuseppe Verdi> Sabato 15 dicembre ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala Muratori
Il primo colpo di fucile nella lotta di liberazione del suono. 
La musica si ribella contro l’oppressione del potere
> Sabato 12 gennaio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriCantare con una sola voce. La scrittura musicale come strumento di potere tra Medio Evo e Rinascimento
> Sabato 2 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriSe vuol ballare signor contino. La microfisica del potere nel teatro musicale di Mozart, Gounod e Giordano
> Sabato 16 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriLa bandiera si ammaina sul palazzo del Principe. L’antinomia tra potere e libertà nell’itinerario musicale di Franz Joseph Haydn e di Ludwig van Beethoven
Info. 0544 249244 - Ingresso libero]]>
Altri eventi
10:30
Sala Arcangelo Corelli
 
Sabato 24-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 25-11-2018
left1 Musiche tradizionali di Francia, Italia, Germania, Irlanda ]]>
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
Domenica 25-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Martedì 27-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Mercoledì 28-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Giovedì 29-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Venerdì 30-11-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Sabato 01-12-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 02-12-2018
left1 Musiche di W.A. Mozart ]]>
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
Domenica 02-12-2018
left1 Una nuova maratona lirica: tre titoli che si susseguono una sera dopo l’altra sullo stesso palcoscenico, ritmi serrati e un laboratorio che gioca sul filo dell’invenzione e della creatività, intrecciando giovani talenti e moderne tecnologie. È la trilogia d’autunno, che ancora una volta sceglie di indagare il genio di Giuseppe Verdi, trasformando il palcoscenico dell’Alighieri in una vera e propria “fabbrica dell’opera”, capace di dare corpo e voce a tre diversi momenti del suo percorso artistico. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona. Non poteva che essere Nabucco ad aprire la Trilogia destinata a ripercorrere la straordinaria parabola creativa di Verdi. L’opera con cui, nel 1841, egli riesce a risorgere dalle avversità del destino e a riprendere in mano la propria vita, di uomo e di musicista, e in cui la dimensione biblica e profetica sfocia in un affresco corale capace di assorbire e sussumere in sé le singole individualità, verso un’ideale unione dei popoli. È in quella partitura che si gettano le basi del successo irresistibile di Rigoletto, primo tassello nel 1851 del trittico “popolare”, e tra tutte l’opera prediletta dall’autore, per la definizione viva del protagonista in un quadro di perfetta unità drammatica. E, in fondo, anche dell’estremo rinnovamento che in Otello (1887) germoglierà dal verbo shakesperiano, approdo inevitabile della “parola scenica” verdiana. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Venerdì 07-12-2018
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 09-12-2018
left1 G. Meyerbeer “Hirtenlied”L. Spohr Sechs Deutsche Lieder, Op. 103J.W. Kalliwoda “Heimathlied” op. 117C. Kreutzer “Das Mühlrad”F. Busoni “Elegia” per clarinetto e pianoforte in mi bemolle maggiore, BV 286F. Liszt Oh! quand je dors, S. 282Die Loreley, S. 273 per soprano e pianoforteF. Schubert “Der hirt auf dem Felsen” op. postuma 12 ]]>
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
Sabato 15-12-2018
left1Si rinnova anche quest’anno lo speciale ciclo di conversazioni che accompagna - e in parte incrocia - le rotte della Stagione del Teatro Alighieri, proponendo un percorso tematico in grado di inserire le opere in programma nel contesto di una riflessione al contempo unitaria, organica e di grande respiro. A svelare, incontro dopo incontro, i segreti del rapporto fra La musica e il potere sarà Guido Barbieri, che ritorna al timone e invita il pubblico ad attraversare secoli di teatro musicale, visitare i luoghi che ne hanno fatto la storia, ripercorrere pagine indimenticabili. Tutti gli appuntamenti, sempre a ingresso libero e sempre il sabato mattina, sono ospitati dalla Biblioteca Classense, con la sola eccezione del dialogo che incontra la Trilogia d’Autunno sabato 24 novembre, alla Sala Corelli del Teatro Alighieri. Con la presenza e la guida di Barbieri - musicologo, divulgatore, docente di Storia della Musica - e la prestigiosa cornice della Sala Muratori della Biblioteca Classense, uno dei luoghi attivamente protagonisti della vita culturale della città di Ravenna, si ripropone la combinazione che già l’anno scorso è stata salutata dall’ampia e costante partecipazione del pubblico. > Sabato 24 novembre ore 10.30 - Teatro Alighieri, Sala Arcangelo Corelli
Ragion di stato e ragione d’amore. Il conflitto tra individuo e potere nel teatro musicale di Giuseppe Verdi> Sabato 15 dicembre ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala Muratori
Il primo colpo di fucile nella lotta di liberazione del suono. 
La musica si ribella contro l’oppressione del potere
> Sabato 12 gennaio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriCantare con una sola voce. La scrittura musicale come strumento di potere tra Medio Evo e Rinascimento
> Sabato 2 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriSe vuol ballare signor contino. La microfisica del potere nel teatro musicale di Mozart, Gounod e Giordano
> Sabato 16 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriLa bandiera si ammaina sul palazzo del Principe. L’antinomia tra potere e libertà nell’itinerario musicale di Franz Joseph Haydn e di Ludwig van Beethoven
Info. 0544 249244 - Ingresso libero]]>
Altri eventi
10:30
Biblioteca Classense
 
Domenica 16-12-2018
left1 P.I. TchajkovskijI. Ouverture in miniature II. Danze caratteristicheIII. Valzer dei fiori ]]>
Altri eventi
11:00
Sala Arcangelo Corelli
Domenica 16-12-2018
left1Franco Costantini, Cinzia Damassa attori Alessandra Visentin mezzosoprano Donato Di Gioia baritono   con la partecipazione di Danilo Naglia, Silvano Rosetti, Sergio Squarzina ex compagni di scuola di Roberto Bachi   direttore Jacopo Rivani (16), Paolo Marzocchi (17 e 18)regia Alessio Pizzechscene e costumi Davide Amadeiluci Nevio Cavina Orchestra Arcangelo Corelli quartetto vocale Vittoria Magnarello soprano, Veronica Delorenzi mezzosoprano,Massimo Montanari tenore, Giacomo Contro baritono Coro “Libere Note” dell’Istituto Comprensivo Statale “Guido Novello” di Ravennadiretto da Elisabetta Agostini e Catia Gori Nuova versione per orchestra dell’opera commissionata dal Teatro Alighieri Ravenna nel 2014]]>
Opera
15:30
Teatro Alighieri
Giovedì 10-01-2019
left1 Quasi una maschera, Winston Churchill per certi versi è il Novecento. Incarna il primato della politica e umanamente  è  un  eccesso  in  tutto:  tracanna  whisky,  urla,  sbraita,  si  lamenta,  ma  senza  mai  arrendersi,  fuma sigari senza sosta, tossisce; è risoluto ma ammira chi è in grado di cambiare idea. Giuseppe Battiston incontra la figura di Churchill, la porta in scena, la reinventa, indaga il mistero dell’uomo attraverso la magia del teatro, senza mai perdere un potente senso dell’ironia. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Venerdì 11-01-2019
left1 Quasi una maschera, Winston Churchill per certi versi è il Novecento. Incarna il primato della politica e umanamente  è  un  eccesso  in  tutto:  tracanna  whisky,  urla,  sbraita,  si  lamenta,  ma  senza  mai  arrendersi,  fuma sigari senza sosta, tossisce; è risoluto ma ammira chi è in grado di cambiare idea. Giuseppe Battiston incontra la figura di Churchill, la porta in scena, la reinventa, indaga il mistero dell’uomo attraverso la magia del teatro, senza mai perdere un potente senso dell’ironia. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 12-01-2019
left1Si rinnova anche quest’anno lo speciale ciclo di conversazioni che accompagna - e in parte incrocia - le rotte della Stagione del Teatro Alighieri, proponendo un percorso tematico in grado di inserire le opere in programma nel contesto di una riflessione al contempo unitaria, organica e di grande respiro. A svelare, incontro dopo incontro, i segreti del rapporto fra La musica e il potere sarà Guido Barbieri, che ritorna al timone e invita il pubblico ad attraversare secoli di teatro musicale, visitare i luoghi che ne hanno fatto la storia, ripercorrere pagine indimenticabili. Tutti gli appuntamenti, sempre a ingresso libero e sempre il sabato mattina, sono ospitati dalla Biblioteca Classense, con la sola eccezione del dialogo che incontra la Trilogia d’Autunno sabato 24 novembre, alla Sala Corelli del Teatro Alighieri. Con la presenza e la guida di Barbieri - musicologo, divulgatore, docente di Storia della Musica - e la prestigiosa cornice della Sala Muratori della Biblioteca Classense, uno dei luoghi attivamente protagonisti della vita culturale della città di Ravenna, si ripropone la combinazione che già l’anno scorso è stata salutata dall’ampia e costante partecipazione del pubblico. > Sabato 24 novembre ore 10.30 - Teatro Alighieri, Sala Arcangelo Corelli
Ragion di stato e ragione d’amore. Il conflitto tra individuo e potere nel teatro musicale di Giuseppe Verdi> Sabato 15 dicembre ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala Muratori
Il primo colpo di fucile nella lotta di liberazione del suono. 
La musica si ribella contro l’oppressione del potere
> Sabato 12 gennaio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriCantare con una sola voce. La scrittura musicale come strumento di potere tra Medio Evo e Rinascimento
> Sabato 2 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriSe vuol ballare signor contino. La microfisica del potere nel teatro musicale di Mozart, Gounod e Giordano
> Sabato 16 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriLa bandiera si ammaina sul palazzo del Principe. L’antinomia tra potere e libertà nell’itinerario musicale di Franz Joseph Haydn e di Ludwig van Beethoven
Info. 0544 249244 - Ingresso libero]]>
Altri eventi
10:30
Biblioteca Classense
 
Sabato 12-01-2019
left1 Quasi una maschera, Winston Churchill per certi versi è il Novecento. Incarna il primato della politica e umanamente  è  un  eccesso  in  tutto:  tracanna  whisky,  urla,  sbraita,  si  lamenta,  ma  senza  mai  arrendersi,  fuma sigari senza sosta, tossisce; è risoluto ma ammira chi è in grado di cambiare idea. Giuseppe Battiston incontra la figura di Churchill, la porta in scena, la reinventa, indaga il mistero dell’uomo attraverso la magia del teatro, senza mai perdere un potente senso dell’ironia. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 13-01-2019
left1 Quasi una maschera, Winston Churchill per certi versi è il Novecento. Incarna il primato della politica e umanamente  è  un  eccesso  in  tutto:  tracanna  whisky,  urla,  sbraita,  si  lamenta,  ma  senza  mai  arrendersi,  fuma sigari senza sosta, tossisce; è risoluto ma ammira chi è in grado di cambiare idea. Giuseppe Battiston incontra la figura di Churchill, la porta in scena, la reinventa, indaga il mistero dell’uomo attraverso la magia del teatro, senza mai perdere un potente senso dell’ironia. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Venerdì 18-01-2019
left1Juliette Margarita LevchukRoméo Jesus AlavarezFrère Laurent Eugeniy StanimirovMercutio Francesco VernaStéphano Ivana SrbljanLe Comte Capulet Luka OrtarTybalt Marko FortunatoGertrude Tiziana TramontiLe Comte Pâris Dario BercichGrégorio Robert KolarBenvolio Sergej KiselevLe Duc de Vèrone Slavko Sekulic direttore Paolo Olmiregia Marin Blazevicscene e light designer Alan Vukeliccostumi Sandra Dekanic Orchestra e Coro del Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc di Rijeka Nuovo allestimento del Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc di Rijeka in coproduzione con Teatro Alighieri di Ravenna  ]]>
Opera
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 20-01-2019
left1Juliette Margarita LevchukRoméo Jesus AlavarezFrère Laurent Eugeniy StanimirovMercutio Francesco VernaStéphano Ivana SrbljanLe Comte Capulet Luka OrtarTybalt Marko FortunatoGertrude Tiziana TramontiLe Comte Pâris Dario BercichGrégorio Robert KolarBenvolio Sergej KiselevLe Duc de Vèrone Slavko Sekulic direttore Paolo Olmiregia Marin Blazevicscene e light designer Alan Vukeliccostumi Sandra Dekanic Orchestra e Coro del Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc di Rijeka Nuovo allestimento del Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc di Rijeka in coproduzione con Teatro Alighieri di Ravenna  ]]>
Opera
15:30
Teatro Alighieri
Martedì 22-01-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Mercoledì 23-01-2019
left1 In  uno  spazio  claustrofobico,  che,  nei  termini  di  una  commedia  nera,  ricalca  lo  scrigno  mentale  di  un’Italia sgangherata  e  sovraffollata,  sfilano  personaggi  imbarbariti  e  mostruosi,  schiavi  dell’omologazione  e  delle  mode. I quattro interpreti danno vita – a partire da un tragicomico romanzo contemporaneo – a un’umanità  dolente  e  perduta,  specchio  dissacrante  di  una  società  alle  prese  con  i  falsi  miti  della  ricchezza,  del  potere,  della gioventù a tutti i costi. Cabaret postmoderno nel segno della tradizione dell’avanspettacolo ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 24-01-2019
left1 In  uno  spazio  claustrofobico,  che,  nei  termini  di  una  commedia  nera,  ricalca  lo  scrigno  mentale  di  un’Italia sgangherata  e  sovraffollata,  sfilano  personaggi  imbarbariti  e  mostruosi,  schiavi  dell’omologazione  e  delle  mode. I quattro interpreti danno vita – a partire da un tragicomico romanzo contemporaneo – a un’umanità  dolente  e  perduta,  specchio  dissacrante  di  una  società  alle  prese  con  i  falsi  miti  della  ricchezza,  del  potere,  della gioventù a tutti i costi. Cabaret postmoderno nel segno della tradizione dell’avanspettacolo ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 26-01-2019
left1Wolfgangcoreografia David Parsonsmusica di Wolfgang Amadeus Mozart Microburstcoreografia David Parsonsmusica di Avirodh Sharma Ma Maisoncoreografia Trev McIntyremusica di Preservation Hall Jazz Band Caughtcoreografia David Parsonsmusica di Robert Fripp Whirlawaycoreografia David Parsonsmusica di Allen Toussaint & The Allen Toussaint Orchestra danzatori Elena D’Amario, Zoey Anderson, Justus Whitfield, Deidre Rogan, Shawn Lesniak, Henry Steele, Joan Rodriguez, Madelaine Parrish]]>
Danza
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 27-01-2019
left1Wolfgangcoreografia David Parsonsmusica di Wolfgang Amadeus Mozart Microburstcoreografia David Parsonsmusica di Avirodh Sharma Ma Maisoncoreografia Trev McIntyremusica di Preservation Hall Jazz Band Caughtcoreografia David Parsonsmusica di Robert Fripp Whirlawaycoreografia David Parsonsmusica di Allen Toussaint & The Allen Toussaint Orchestra danzatori Elena D’Amario, Zoey Anderson, Justus Whitfield, Deidre Rogan, Shawn Lesniak, Henry Steele, Joan Rodriguez, Madelaine Parrish]]>
Danza
15:30
Teatro Alighieri
Lunedì 28-01-2019
left1 Grieg Violin Sonata n. 3 op. 45 Brahms Scherzo (da Sonata FAE) Paganini Capriccio su" Nel Cor più non mi sento" Petrassi Introduzione e Alkgro Saint-Saens lntroduction et Rondò Capriccioso op.28 ]]>
Altri eventi/
21:00
Sala Arcangelo Corelli
Martedì 29-01-2019
left1CAMPAGNE ABBONAMENTI RINNOVI: da giovedì 3 a giovedì 17 gennaio 2019 dalle ore 10 alle ore 13 (festivi esclusi e con rientri pomeridiani nei giovedì compresi in questo intervallo, dalle ore 16 alle ore 18). NUOVI: da sabato 19 a giovedì 24 gennaio 2019 dalle ore 10 alle ore 13 (domenica 21 gennaio esclusa e con rientro pomeridiani giovedì 24 gennaio, dalle ore 16 alle ore 18) BIGLIETTI La vendita dei biglietti avrà luogo nelle sole sere di spettacolo dalle ore 20 presso la Biglietteria del Teatro Alighieri. Non si effettuano vendite online né prenotazioni telefoniche per gli spettacoli di questa rassegna.]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
 
Giovedì 31-01-2019
left1 È la vicenda del pastore Aminta e del suo amore per la ninfa Silvia. Lo stile evocativo dei versi fa del discorso un vero e proprio canto, e non è il sentimento non corrisposto il punto centrale, bensì la forma che l’Amore assume in ogni essere umano e la sua forza creativa, fonte di ispirazione assoluta. Una regia “trasparente” –  affidata allo stile della lingua poetica di questa favola boschereccia – produce una vertigine verticale, piena di senso e non di analisi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Venerdì 01-02-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 02-02-2019
left1Si rinnova anche quest’anno lo speciale ciclo di conversazioni che accompagna - e in parte incrocia - le rotte della Stagione del Teatro Alighieri, proponendo un percorso tematico in grado di inserire le opere in programma nel contesto di una riflessione al contempo unitaria, organica e di grande respiro. A svelare, incontro dopo incontro, i segreti del rapporto fra La musica e il potere sarà Guido Barbieri, che ritorna al timone e invita il pubblico ad attraversare secoli di teatro musicale, visitare i luoghi che ne hanno fatto la storia, ripercorrere pagine indimenticabili. Tutti gli appuntamenti, sempre a ingresso libero e sempre il sabato mattina, sono ospitati dalla Biblioteca Classense, con la sola eccezione del dialogo che incontra la Trilogia d’Autunno sabato 24 novembre, alla Sala Corelli del Teatro Alighieri. Con la presenza e la guida di Barbieri - musicologo, divulgatore, docente di Storia della Musica - e la prestigiosa cornice della Sala Muratori della Biblioteca Classense, uno dei luoghi attivamente protagonisti della vita culturale della città di Ravenna, si ripropone la combinazione che già l’anno scorso è stata salutata dall’ampia e costante partecipazione del pubblico. > Sabato 24 novembre ore 10.30 - Teatro Alighieri, Sala Arcangelo Corelli
Ragion di stato e ragione d’amore. Il conflitto tra individuo e potere nel teatro musicale di Giuseppe Verdi> Sabato 15 dicembre ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala Muratori
Il primo colpo di fucile nella lotta di liberazione del suono. 
La musica si ribella contro l’oppressione del potere
> Sabato 12 gennaio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriCantare con una sola voce. La scrittura musicale come strumento di potere tra Medio Evo e Rinascimento
> Sabato 2 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriSe vuol ballare signor contino. La microfisica del potere nel teatro musicale di Mozart, Gounod e Giordano
> Sabato 16 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriLa bandiera si ammaina sul palazzo del Principe. L’antinomia tra potere e libertà nell’itinerario musicale di Franz Joseph Haydn e di Ludwig van Beethoven
Info. 0544 249244 - Ingresso libero]]>
Altri eventi
10:30
Biblioteca Classense
 
Domenica 03-02-2019
left1 Compagnia "Fantasia in re" Reggio Emilia ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Domenica 03-02-2019
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Giovedì 07-02-2019
left1 È la vicenda del pastore Aminta e del suo amore per la ninfa Silvia. Lo stile evocativo dei versi fa del discorso un vero e proprio canto, e non è il sentimento non corrisposto il punto centrale, bensì la forma che l’Amore assume in ogni essere umano e la sua forza creativa, fonte di ispirazione assoluta. Una regia “trasparente” –  affidata allo stile della lingua poetica di questa favola boschereccia – produce una vertigine verticale, piena di senso e non di analisi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Venerdì 08-02-2019
left1 È la vicenda del pastore Aminta e del suo amore per la ninfa Silvia. Lo stile evocativo dei versi fa del discorso un vero e proprio canto, e non è il sentimento non corrisposto il punto centrale, bensì la forma che l’Amore assume in ogni essere umano e la sua forza creativa, fonte di ispirazione assoluta. Una regia “trasparente” –  affidata allo stile della lingua poetica di questa favola boschereccia – produce una vertigine verticale, piena di senso e non di analisi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 09-02-2019
left1 È la vicenda del pastore Aminta e del suo amore per la ninfa Silvia. Lo stile evocativo dei versi fa del discorso un vero e proprio canto, e non è il sentimento non corrisposto il punto centrale, bensì la forma che l’Amore assume in ogni essere umano e la sua forza creativa, fonte di ispirazione assoluta. Una regia “trasparente” –  affidata allo stile della lingua poetica di questa favola boschereccia – produce una vertigine verticale, piena di senso e non di analisi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 10-02-2019
left1 È la vicenda del pastore Aminta e del suo amore per la ninfa Silvia. Lo stile evocativo dei versi fa del discorso un vero e proprio canto, e non è il sentimento non corrisposto il punto centrale, bensì la forma che l’Amore assume in ogni essere umano e la sua forza creativa, fonte di ispirazione assoluta. Una regia “trasparente” –  affidata allo stile della lingua poetica di questa favola boschereccia – produce una vertigine verticale, piena di senso e non di analisi. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Lunedì 11-02-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Martedì 12-02-2019
left1CAMPAGNE ABBONAMENTI RINNOVI: da giovedì 3 a giovedì 17 gennaio 2019 dalle ore 10 alle ore 13 (festivi esclusi e con rientri pomeridiani nei giovedì compresi in questo intervallo, dalle ore 16 alle ore 18). NUOVI: da sabato 19 a giovedì 24 gennaio 2019 dalle ore 10 alle ore 13 (domenica 21 gennaio esclusa e con rientro pomeridiani giovedì 24 gennaio, dalle ore 16 alle ore 18) BIGLIETTI La vendita dei biglietti avrà luogo nelle sole sere di spettacolo dalle ore 20 presso la Biglietteria del Teatro Alighieri. Non si effettuano vendite online né prenotazioni telefoniche per gli spettacoli di questa rassegna.]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
 
Mercoledì 13-02-2019
left1 Un fool contemporaneo,  armato  di  microfono, e quattro danzatori, incarnano i moti di un amore limpido e squilibrato, straziante e fuori asse. Si mette in scena il dissidio insanabile tra luce e ombra, delirio e realtà, amore e morte. Un dibattito  per voce e corpi in cui si esaltano ugualmente parola, suono e movimento. Lo spazio si popola dei fantasmi di uno solo che è in realtà moltitudine, e si fa luogo di irrisolvibili nodi in cui accade la poesia. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 16-02-2019
left1Si rinnova anche quest’anno lo speciale ciclo di conversazioni che accompagna - e in parte incrocia - le rotte della Stagione del Teatro Alighieri, proponendo un percorso tematico in grado di inserire le opere in programma nel contesto di una riflessione al contempo unitaria, organica e di grande respiro. A svelare, incontro dopo incontro, i segreti del rapporto fra La musica e il potere sarà Guido Barbieri, che ritorna al timone e invita il pubblico ad attraversare secoli di teatro musicale, visitare i luoghi che ne hanno fatto la storia, ripercorrere pagine indimenticabili. Tutti gli appuntamenti, sempre a ingresso libero e sempre il sabato mattina, sono ospitati dalla Biblioteca Classense, con la sola eccezione del dialogo che incontra la Trilogia d’Autunno sabato 24 novembre, alla Sala Corelli del Teatro Alighieri. Con la presenza e la guida di Barbieri - musicologo, divulgatore, docente di Storia della Musica - e la prestigiosa cornice della Sala Muratori della Biblioteca Classense, uno dei luoghi attivamente protagonisti della vita culturale della città di Ravenna, si ripropone la combinazione che già l’anno scorso è stata salutata dall’ampia e costante partecipazione del pubblico. > Sabato 24 novembre ore 10.30 - Teatro Alighieri, Sala Arcangelo Corelli
Ragion di stato e ragione d’amore. Il conflitto tra individuo e potere nel teatro musicale di Giuseppe Verdi> Sabato 15 dicembre ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala Muratori
Il primo colpo di fucile nella lotta di liberazione del suono. 
La musica si ribella contro l’oppressione del potere
> Sabato 12 gennaio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriCantare con una sola voce. La scrittura musicale come strumento di potere tra Medio Evo e Rinascimento
> Sabato 2 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriSe vuol ballare signor contino. La microfisica del potere nel teatro musicale di Mozart, Gounod e Giordano
> Sabato 16 febbraio ore 10.30 - Biblioteca Classense, Sala MuratoriLa bandiera si ammaina sul palazzo del Principe. L’antinomia tra potere e libertà nell’itinerario musicale di Franz Joseph Haydn e di Ludwig van Beethoven
Info. 0544 249244 - Ingresso libero]]>
Altri eventi
10:30
Biblioteca Classense
 
Sabato 16-02-2019
left1coreografia Andonis Foniadakis, Annabelle Lopez Ochoa, Ihsan Rustemdrammaturgia e messa in scena Eric Jeandirettore musicale Martin Léonscene e attrezzeria Pierre-Étienne Locasconcezione e ideazione luci Cédric Delorme-Bouchardconcezione video Hub Studio - Gonzalo Soldi e Thomas Payette concezione costumi Philippe Dubucrealizzazione costumi Anne-Marie Veevaete]]>
Danza
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 17-02-2019
left1coreografia Andonis Foniadakis, Annabelle Lopez Ochoa, Ihsan Rustemdrammaturgia e messa in scena Eric Jeandirettore musicale Martin Léonscene e attrezzeria Pierre-Étienne Locasconcezione e ideazione luci Cédric Delorme-Bouchardconcezione video Hub Studio - Gonzalo Soldi e Thomas Payette concezione costumi Philippe Dubucrealizzazione costumi Anne-Marie Veevaete]]>
Danza
15:30
Teatro Alighieri
Venerdì 22-02-2019
left1Il Conte di Almaviva, Grande di Spagna Vittorio Prato La Contessa Rosina, sua moglie Francesca Sassu Figaro, cameriere del Conte Luca Del SavioSusanna, cameriera della Contessa Manuela BisceglieBarbarina, figlia di Antonio Leonora TessCherubino, paggio Aurora FaggioliBartolo, medico Ion StancuMarcellina, governante Isabel De PaoliDon Basilio, maestro di cappella Jorge Juan MorataDon Curzio, giudice Riccardo BenlodiAntonio, giardiniere Jaime Eduardo Pialli direttore Erina Yashimaregia Giorgio Ferrarascene Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavocostumi Maurizio Galante Orchestra Giovanile Luigi Cherubini Coro San Gregorio Magnomaestro del coro Mauro Rolfimaestro al cembalo Mirco Godio coproduzione Festival di Spoleto 59, Fondazione Teatro Coccia Novara, Teatro Alighieri di Ravenna]]>
Opera
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 24-02-2019
left1Il Conte di Almaviva, Grande di Spagna Vittorio Prato La Contessa Rosina, sua moglie Francesca Sassu Figaro, cameriere del Conte Luca Del SavioSusanna, cameriera della Contessa Manuela BisceglieBarbarina, figlia di Antonio Leonora TessCherubino, paggio Aurora FaggioliBartolo, medico Ion StancuMarcellina, governante Isabel De PaoliDon Basilio, maestro di cappella Jorge Juan MorataDon Curzio, giudice Riccardo BenlodiAntonio, giardiniere Jaime Eduardo Pialli direttore Erina Yashimaregia Giorgio Ferrarascene Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavocostumi Maurizio Galante Orchestra Giovanile Luigi Cherubini Coro San Gregorio Magnomaestro del coro Mauro Rolfimaestro al cembalo Mirco Godio coproduzione Festival di Spoleto 59, Fondazione Teatro Coccia Novara, Teatro Alighieri di Ravenna]]>
Opera
15:30
Teatro Alighieri
Martedì 26-02-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 28-02-2019
left1 Un palcoscenico nudo, pochi oggetti, diciotto “ragazzi di vita”, branco di anime orfane d’innocenza e aggrappate all’esistenza, povera ma genuina, delle borgate romane degli anni Cinquanta. La creazione corale si lascia rasportare  dalla  lingua  pasoliniana  –  espressionista,  sporca,  impulsiva  –  mentre  una  presenza  narrante  al  contempo osserva e partecipa, incalzando con passione il racconto. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Venerdì 01-03-2019
left1 Un palcoscenico nudo, pochi oggetti, diciotto “ragazzi di vita”, branco di anime orfane d’innocenza e aggrappate all’esistenza, povera ma genuina, delle borgate romane degli anni Cinquanta. La creazione corale si lascia rasportare  dalla  lingua  pasoliniana  –  espressionista,  sporca,  impulsiva  –  mentre  una  presenza  narrante  al  contempo osserva e partecipa, incalzando con passione il racconto. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 02-03-2019
left1 Un palcoscenico nudo, pochi oggetti, diciotto “ragazzi di vita”, branco di anime orfane d’innocenza e aggrappate all’esistenza, povera ma genuina, delle borgate romane degli anni Cinquanta. La creazione corale si lascia rasportare  dalla  lingua  pasoliniana  –  espressionista,  sporca,  impulsiva  –  mentre  una  presenza  narrante  al  contempo osserva e partecipa, incalzando con passione il racconto. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 03-03-2019
left1 Un palcoscenico nudo, pochi oggetti, diciotto “ragazzi di vita”, branco di anime orfane d’innocenza e aggrappate all’esistenza, povera ma genuina, delle borgate romane degli anni Cinquanta. La creazione corale si lascia rasportare  dalla  lingua  pasoliniana  –  espressionista,  sporca,  impulsiva  –  mentre  una  presenza  narrante  al  contempo osserva e partecipa, incalzando con passione il racconto. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Giovedì 07-03-2019
Altri eventi
17:30
Sala Arcangelo Corelli
 
Giovedì 07-03-2019
left1 Musiche di Beethoven, Sinigaglia ]]>
Altri eventi/
21:00
Sala Arcangelo Corelli
Venerdì 08-03-2019
left1Andrea Chénier Samuele SimonciniCarlo Gérard Ernesto PettiMaddalena di Coigny Saioa HernàndezLa mulatta Bersi Nozomi KatoLa Contessa di Coigny Shay BlochMadelon Antonella ColaianniRoucher Stefano MarchisioPietro Fléville / Foquier Tinville Alex MartiniIl sanculotto Mathieu Fellipe OliveiraUn “Incredibile” Alfonso ZambutoL’abate Roberto Carli direttore Giovanni Di Stefanoregia Nicola Berloffascene Justin Arienticostumi Edoardo Russoluci Valerio Tibériassistente alla regia Federico Des Dorides Orchestra Regionale dell’Emilia RomagnaCoro della Fondazione Teatro Comunale di Modenamaestro del coro Stefano Colò Nuovo allestimento realizzato con Opéra de Touloncoproduzione Fondazione Teatro Comunale di Modena,Fondazione I Teatri di Piacenza, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia,Teatro Alighieri di Ravenna, Fondazione Teatro Regio di Parma]]>
Opera
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 10-03-2019
left1Andrea Chénier Samuele SimonciniCarlo Gérard Ernesto PettiMaddalena di Coigny Saioa HernàndezLa mulatta Bersi Nozomi KatoLa Contessa di Coigny Shay BlochMadelon Antonella ColaianniRoucher Stefano MarchisioPietro Fléville / Foquier Tinville Alex MartiniIl sanculotto Mathieu Fellipe OliveiraUn “Incredibile” Alfonso ZambutoL’abate Roberto Carli direttore Giovanni Di Stefanoregia Nicola Berloffascene Justin Arienticostumi Edoardo Russoluci Valerio Tibériassistente alla regia Federico Des Dorides Orchestra Regionale dell’Emilia RomagnaCoro della Fondazione Teatro Comunale di Modenamaestro del coro Stefano Colò Nuovo allestimento realizzato con Opéra de Touloncoproduzione Fondazione Teatro Comunale di Modena,Fondazione I Teatri di Piacenza, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia,Teatro Alighieri di Ravenna, Fondazione Teatro Regio di Parma]]>
Opera
15:30
Teatro Alighieri
Martedì 12-03-2019
left1 Compagnia "Capit" Ravenna ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Martedì 12-03-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Mercoledì 13-03-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 14-03-2019
Altri eventi
17:30
Sala Arcangelo Corelli
 
Sabato 16-03-2019
left1Dai pas-de-deux dei grandi balletti classici russi del XIX secolo da Lago dei cigni a La bella addormentata alle famose miniature coreografiche di Leonid Yacobson (1904-1975), tra cui Pas de quatre su musica di Vincenzo BelliniValzer Viennese su musica di Johann StraussSestetto su musica di Wolfgang Amadeus MozartBaba Yaga su musica di Modest Musorgskij  ]]>
Danza
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 17-03-2019
left1Dai pas-de-deux dei grandi balletti classici russi del XIX secolo da Lago dei cigni a La bella addormentata alle famose miniature coreografiche di Leonid Yacobson (1904-1975), tra cui Pas de quatre su musica di Vincenzo BelliniValzer Viennese su musica di Johann StraussSestetto su musica di Wolfgang Amadeus MozartBaba Yaga su musica di Modest Musorgskij  ]]>
Danza
15:30
Teatro Alighieri
Lunedì 18-03-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Martedì 19-03-2019
left1CAMPAGNE ABBONAMENTI RINNOVI: da giovedì 3 a giovedì 17 gennaio 2019 dalle ore 10 alle ore 13 (festivi esclusi e con rientri pomeridiani nei giovedì compresi in questo intervallo, dalle ore 16 alle ore 18). NUOVI: da sabato 19 a giovedì 24 gennaio 2019 dalle ore 10 alle ore 13 (domenica 21 gennaio esclusa e con rientro pomeridiani giovedì 24 gennaio, dalle ore 16 alle ore 18) BIGLIETTI La vendita dei biglietti avrà luogo nelle sole sere di spettacolo dalle ore 20 presso la Biglietteria del Teatro Alighieri. Non si effettuano vendite online né prenotazioni telefoniche per gli spettacoli di questa rassegna.]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
 
Domenica 24-03-2019
left1 Compagnia "Alfafolies" Torino ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Domenica 24-03-2019
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Mercoledì 27-03-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 28-03-2019
left1 Angelo Baldovino, portato in scena da un grande interprete pirandelliano, è “una maschera grottesca che si trasforma in un volto rigato dalle lagrime”. Egli è protagonista di un mondo dove la rincorsa al consenso sprofonda i personaggi in una lotta lacerante tra reale onestà e onestà di facciata, nello sfrenato desiderio di apparire che domina sull’essere. Attraverso il filtro di una regia intrisa di realismo magico, questo salotto borghese, luogo principe di ipocrisia e falsità, svela con la limpidezza di un paradosso la drammatica e ridicola difficoltà di essere se stessi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Venerdì 29-03-2019
left1 Angelo Baldovino, portato in scena da un grande interprete pirandelliano, è “una maschera grottesca che si trasforma in un volto rigato dalle lagrime”. Egli è protagonista di un mondo dove la rincorsa al consenso sprofonda i personaggi in una lotta lacerante tra reale onestà e onestà di facciata, nello sfrenato desiderio di apparire che domina sull’essere. Attraverso il filtro di una regia intrisa di realismo magico, questo salotto borghese, luogo principe di ipocrisia e falsità, svela con la limpidezza di un paradosso la drammatica e ridicola difficoltà di essere se stessi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 30-03-2019
left1 Angelo Baldovino, portato in scena da un grande interprete pirandelliano, è “una maschera grottesca che si trasforma in un volto rigato dalle lagrime”. Egli è protagonista di un mondo dove la rincorsa al consenso sprofonda i personaggi in una lotta lacerante tra reale onestà e onestà di facciata, nello sfrenato desiderio di apparire che domina sull’essere. Attraverso il filtro di una regia intrisa di realismo magico, questo salotto borghese, luogo principe di ipocrisia e falsità, svela con la limpidezza di un paradosso la drammatica e ridicola difficoltà di essere se stessi. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 31-03-2019
left1 Angelo Baldovino, portato in scena da un grande interprete pirandelliano, è “una maschera grottesca che si trasforma in un volto rigato dalle lagrime”. Egli è protagonista di un mondo dove la rincorsa al consenso sprofonda i personaggi in una lotta lacerante tra reale onestà e onestà di facciata, nello sfrenato desiderio di apparire che domina sull’essere. Attraverso il filtro di una regia intrisa di realismo magico, questo salotto borghese, luogo principe di ipocrisia e falsità, svela con la limpidezza di un paradosso la drammatica e ridicola difficoltà di essere se stessi. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Lunedì 01-04-2019
left1 Compagnia "In Scena" Reggio Emilia ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Lunedì 01-04-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Martedì 02-04-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 06-04-2019
left1Sarabande coreografia Jirˇí Kyliánmusiche Johann Sebastian Bachsoundscape implementation Dick Schuttelcostumi Joke Visserprogettazione luci Jirˇí Kylián, Joop Caboortsupervisione tecnica Kees Tjebbesscenografia Jirˇí Kylián Domus Aurea coreografia Diego Tortellimusiche Johann Sebastian Bachtrascritte da Giorgio Colombo Taccanieseguite dal vivo da Ensemble Sentieri Selvaggiscene Massimo Ubertiluci Carlo Cerri  ]]>
Danza
20:30
Teatro Alighieri
Domenica 07-04-2019
left1Sarabande coreografia Jirˇí Kyliánmusiche Johann Sebastian Bachsoundscape implementation Dick Schuttelcostumi Joke Visserprogettazione luci Jirˇí Kylián, Joop Caboortsupervisione tecnica Kees Tjebbesscenografia Jirˇí Kylián Domus Aurea coreografia Diego Tortellimusiche Johann Sebastian Bachtrascritte da Giorgio Colombo Taccanieseguite dal vivo da Ensemble Sentieri Selvaggiscene Massimo Ubertiluci Carlo Cerri  ]]>
Danza
15:30
Teatro Alighieri
Venerdì 12-04-2019
left1 Forse  chi  vive  nella  sua  lucida  follia  riesce  ancora  a  compiere  atti  eroici.  Di  più:  forse  ci  vuole  una  qualche  forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere grandi imprese. Don Chisciotte, cavaliere dell’impossibile, va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano e che, involontariamente, l’ha reso immortale. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 13-04-2019
left1 Forse  chi  vive  nella  sua  lucida  follia  riesce  ancora  a  compiere  atti  eroici.  Di  più:  forse  ci  vuole  una  qualche  forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere grandi imprese. Don Chisciotte, cavaliere dell’impossibile, va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano e che, involontariamente, l’ha reso immortale. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Domenica 14-04-2019
left1 Forse  chi  vive  nella  sua  lucida  follia  riesce  ancora  a  compiere  atti  eroici.  Di  più:  forse  ci  vuole  una  qualche  forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere grandi imprese. Don Chisciotte, cavaliere dell’impossibile, va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano e che, involontariamente, l’ha reso immortale. ]]>
Altri eventi
15:30
Teatro Alighieri
Domenica 14-04-2019
left1 Forse  chi  vive  nella  sua  lucida  follia  riesce  ancora  a  compiere  atti  eroici.  Di  più:  forse  ci  vuole  una  qualche  forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere grandi imprese. Don Chisciotte, cavaliere dell’impossibile, va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano e che, involontariamente, l’ha reso immortale. ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 18-04-2019
left1 È il tentativo, attraverso un’opera in musica, di liberare l’universo umano di chi è andato incontro a una delle tante tragedie del Mediterraneo: quella di una piccola motovedetta albanese, stracarica di uomini, donne e bambini, affondata nel marzo del 1997 davanti alle coste italiane. Vi si affollano i sommersi e i salvati, chi è sopravvissuto e chi è scomparso, le loro voci, i loro pensieri, e soprattutto il loro viaggio verso il buio, pieno di grandi ansie e piccoli desideri, sogni e paure, digressioni, apparizioni, improvvise rammemorazioni. Il libretto è stato scritto da un giornalista d’inchiesta di rara intelligenza e sensibilità, Alessandro Leogrande, alla cui memoria la giornata sarà dedicata, anche attraverso un momento di riflessione critica. ]]>
Opera
20:30
Teatro Alighieri
Venerdì 26-04-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 27-04-2019
left1 Compagnia Dell'Alba Ortona ]]>
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Sabato 27-04-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Mercoledì 08-05-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri
Giovedì 09-05-2019
Altri eventi
21:00
Teatro Alighieri